Biografia di John Calipari, età, famiglia, squadre allenate e patrimonio netto

Biografia di John Calipari

John Calipari nato John Vincent Calipari, è un allenatore di basket americano. Dal 2009 è capo allenatore della squadra maschile dell'Università del Kentucky, con la quale ha vinto il campionato NCAA nel 2012. È stato nominato tre volte allenatore dell'anno del Naismith College (nel 1996, 2008 e 2015) ed è stato inserito nella Hall of Fame nel 2015.

In precedenza è stato head coach presso l'Università del Massachusetts dal 1988 al 1996, i New Jersey Nets dell'NBA dal 1996 al 1999 e l'Università di Memphis dal 2000 al 2009, ed è stato head coach della squadra nazionale della Repubblica Dominicana nel 2011 e 2012 .



Calipari ha allenato il Kentucky a quattro Final Four, nel 2011, 2012, 2014 e 2015. Ha anche guidato UMass e Memphis alle Final Four nel 1996 e nel 2008 rispettivamente; quelle apparizioni furono successivamente lasciate libere, sebbene Calipari non fosse personalmente implicato dalla NCAA in entrambi i casi. Come allenatore del college, Calipari ha 21 stagioni da 20 vittorie, otto stagioni da 30 vittorie e tre stagioni da 35 vittorie.



Giovanni Calipari Età | Quanti anni ha John Calipari

È nato il 10 febbraio 1959 a Moon, Pennsylvania, Stati Uniti. Ha 59 anni nel 2018.

Famiglia John Calipari

È figlio di Vince Calipari, di suo padre e di donna Mae Calipari di sua madre. È anche fratello di Terri Calipari e Lea Calipari. È il marito di Ellen Calipari con cui ha tre figli.



film e programmi televisivi di sosie bacon

John Calipari Moglie

È il marito di Ellen Calipari che ha sposato nel 1986.

John Calipari Son

Suo figlio si chiama Bradley Vincent Calipari.

Figlia di John Calipari

Ha due figlie. Sono: Megan Rae Calipari e Erin Sue Calipari.



Foto di John Calipari

John Calipari Teams Coached

Ha allenato le seguenti squadre come capo allenatore: basket maschile Kentucky Wildcats, basket maschile Memphis Tigers, Brooklyn Nets e basket UMass Minutemen. È stato anche assistente allenatore. Ha allenato 76ers, basket maschile dei Pittsburgh Panthers e basket maschile dei Kansas Jayhawks.

Salario di Giovanni Calipari

In base al nuovo contratto, Calipari guadagnerà fino a $ 8,0 milioni all'anno (esclusi i bonus), il che consolida ulteriormente il suo status di uno degli allenatori di basket universitari più retribuiti del paese.

Libro di Giovanni Calipari

Ha scritto libri come: Success Is the Only Option: The Art of Coaching Extreme Talent (2016), Players First: Coaching from the Inside Out (2014), Swim to the Buoy: Why Everyone Needs the Safety of a Mentor (2014) , Bounce Back: Superare le battute d'arresto per avere successo negli affari e nella vita (2009), Refuse to Lose (1996) e Basketball's Half-Court Offense (1996).



Coach John Calipari

Dal 1982 al 1985, Calipari è stato assistente presso l'Università del Kansas sotto Ted Owens e Larry Brown. Calipari aveva diversi lavori come allenatore più basso nella gerarchia quando Ted Owens lo assunse come assistente volontario per la stagione 1982-83 dei Jayhawks, incluso servire cibo al tavolo di allenamento. “Ho avuto la fortuna di avere la possibilità. Riesci a immaginare di avere 22, 23 anni e la tua prima opportunità di partecipare alla partita è in un programma come il Kansas? '

Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...

Dal 1985 al 1988 è stato assistente allenatore presso l'Università di Pittsburgh sotto Roy Chipman e Paul Evans. Dal 1988 al 1996 è stato allenatore capo presso l'Università del Massachusetts. Dal 1996 al 1999 è stato allenatore capo e vicepresidente esecutivo delle operazioni di basket per i New Jersey Nets della NBA. Durante la stagione 1999-2000, è stato assistente allenatore dei Philadelphia 76ers sotto la guida dell'allenatore Larry Brown, prima di passare alla sua posizione successiva presso l'Università di Memphis. È stato inserito nella National Italian American Sports Hall of Fame nel 2004.

Calipari è famoso per aver reso popolare l'offesa del movimento di dribbling, sviluppata da Vance Walberg, che a volte è nota come Memphis Attack. Calipari è un autore pubblicato con diversi titoli al suo attivo, tra cui Bounce Back: Overcoming Setbacks to Succeed in Business and in Life e Players First: Coaching from the Inside Out. Inoltre, Calipari ha recitato nel documentario 30 per 30 di ESPN “One and Not Done” che descrive la sua carriera professionale.

Nelle sue 22 stagioni ufficiali (23 stagioni complessive) come allenatore capo collegiale, il record di Calipari è di 667–194 (0,775). Il suo record nel mese di marzo è 107-37 (.743). Il suo record ufficiale NCAA rettificato (i record di due presenze vengono rimossi) nel torneo NCAA è 38–12 (.760), e nel NIT è 15–6 (.714). Le sue squadre hanno collezionato 15 presenze in tornei NCAA (13 ufficiali, a causa di 2 in seguito lasciate libere), incluso il raggiungimento dei Sweet Sixteen 12 volte (10 ufficiali, a causa di 2 in seguito liberati), l'Elite Eight 10 volte (8 ufficiali, a causa di 2 in seguito lasciate libere), le Final Four 6 volte (4 ufficiali, a causa di 2 in seguito liberate), la NCAA Championship Game 3 volte (due volte ufficialmente, con l'apparizione al Championship Game del 2008 mentre a Memphis fu lasciata libera dalla NCAA), vincendo il campionato NCAA nel Kentucky nel 2012 e il secondo classificato NCAA nel 2014.

Come allenatore del college, Calipari ha 21 stagioni da 20 vittorie (20 ufficiali) e 9 stagioni da 30 vittorie (8 ufficiali). Ha anche allenato 6 squadre alla NIT, vincendo il campionato NIT a Memphis nel 2002. È uno dei soli quattro allenatori nella storia della Divisione I della NCAA a dirigere tre diverse scuole verso un seme # 1 nel torneo NCAA.

John Calipari NBA

John Calipari ha detto che pensa che i potenziali clienti dovrebbero essere in grado di andare al college dopo aver giocato nella G League, e crede anche che i giocatori selezionati nel secondo turno del draft NBA dovrebbero essere in grado di tornare al college. Calipari ha sostenuto che i giocatori dovrebbero poter saltare il college per la NBA, ma l'allenatore del Kentucky è preoccupato che troppi studenti-atleti delle scuole superiori saranno persuasi ad andare direttamente alla NBA o alla G League.

E, prendendo in prestito dal baseball della lega minore, ha un'idea audace su come risolvere il potenziale problema.

'Ho la soluzione', ha detto Calipari a ESPN martedì. “L'NBA, vuoi questi ragazzi nella G League, vuoi fare tutto questo? A tutti quelli che vanno nella G League vengono garantiti otto semestri di istruzione universitaria se non ce la fai. Dai loro un bonus alla firma, li paghi. E poi se non ce la fanno dopo due anni, l'NBA paga per averli nel mio campus. Devono rinunciare al loro primo anno, per dimostrare che vogliono davvero essere al college. Quindi puoi venire al college, la NBA pagherà per questo, per otto semestri. Torni, ti siedi fuori un anno per dimostrare che vuoi davvero essere al college, poi inizi a suonare e il tuo orologio parte '.

Calipari ha aggiunto che se un giocatore va al college dopo essere uscito dalla G League, deve rimanere almeno due anni. Insieme all'anno di sit-out richiesto, ogni giocatore avrebbe avuto un minimo di sei semestri al college prima di poter accedere al draft NBA.

Ad agosto, la NCAA ha adottato una nuova regola che consente ai giocatori non iscritti che partecipano alla combinazione NBA e richiedono una valutazione del comitato consultivo universitario di tornare al college.

Calipari pensa che la protezione dovrebbe valere anche per i giocatori arruolati nel secondo turno.

'Se un bambino viene scelto al secondo turno, non deve andarsene. Può tornare al college ', ha detto. 'Tutti gli dicono che è una scelta al primo turno, e tu scivoli al secondo round, 'Nah, torno indietro.' Se lasci che i bambini rimangano nella bozza e poi dici che torneranno un settimana dopo, dopo che non sono stati redatti, perché non metterlo al secondo turno? Perché i ragazzi che sono andati al secondo turno sono incazzati. Fu detto a tutti che sarebbero partiti per primo. Ci preoccupiamo per i bambini o si tratta dell'NBA o si tratta del college? '

Insieme alla regola relativa ai giocatori non selezionati, la NCAA ha adottato una serie di regole raccomandate da un comitato guidato dall'ex Segretario di Stato Condoleezza Rice. Anche i giocatori dei college ei giocatori delle scuole superiori d'élite - quest'ultima determinata da USA Basketball - possono essere rappresentati da agenti. I giocatori delle scuole superiori possono essere rappresentati a partire dal 1 ° luglio prima del loro ultimo anno di scuola superiore, in attesa della fine della regola del tutto.


Articoli sanitari
1. Benefici per la salute delle mele
Due. Benefici per la salute delle banane
3. Benefici per la salute del miele
Quattro. Benefici per la salute dello zenzero
5. Benefici per la salute dell'aglio
6. Benefici per la salute del limone
7. Benefici per la salute della zucca
8. Benefici per la salute delle angurie
Articoli sanitari
1. Diabete
Due. Trattamento del diabete
3. Cancro
Quattro. Cancro al seno
5. Pressione sanguigna
6. Infarto
7. Rene
8. Mal di testa

Calipari pensa che le modifiche alle regole dissuaderanno più potenziali clienti dall'andare all'università - e teme che le porte possano aprirsi e vedremo 100-200 giocatori all'anno saltare il college per la G League.

'Se stanno cercando di incoraggiarli ad andare in G League, penso che sia sbagliato', ha detto Calipari. “Invece di incoraggiare il successo accademico e l'apprendimento e una vita di apprendimento, insegui il basket. Non possono farlo a 14, 15, 16 anni.

“Più della metà della G League saranno ragazzi delle scuole superiori che stanno cercando di farcela. Spero di sbagliarmi. Spero assolutamente di sbagliarmi. '

Ha detto che continua a ricevere feedback che alla NCAA non importa se un gran numero di giocatori di basket delle scuole superiori non frequentano mai il college.

'Guarderanno indietro a questo periodo nel basket, e questo è un punto fondamentale di dove va a finire questa cosa. Questa volta siamo seduti adesso. E voglio assicurarmi di essere dalla parte giusta della storia ', ha detto Calipari. 'Cosa sta succedendo in questo momento, ci sono persone che fondamentalmente dicono, 'Non appartengono a questo campus universitario.' Chi non appartiene a un campus universitario? Perché non appartengono? 'Beh, non vogliono essere a scuola.' Non volevo essere a scuola! Perché dici questo? È quella cosa della torre d'avorio, dove guardi in basso e vedi come sono vestite le persone e come camminano e dici che non appartengono a un campus universitario? Mi fa impazzire.'

Anche se Calipari ha riconosciuto che ci sono tre o quattro ragazzi in ogni classe in grado di saltare l'università per l'NBA, teme che anche altre dozzine di ragazzi ci proveranno, e 'saranno roadkill'. Inoltre, poiché sono stati venduti per aver saltato il college sin dall'inizio del liceo, i loro accademici saranno considerati secondari.

'La mia cosa è che, se incoraggi i laureandi o gli studenti junior a non preoccuparsi degli accademici, non sarai comunque in un campus universitario, non appartieni a un campus universitario. Gli viene detto quella roba ', ha detto Calipari. 'Nel momento in cui c'è il respingimento, 'Ah, vado comunque all'NBA.''

Di conseguenza, i potenziali clienti che abbandonano la G League dopo un paio d'anni saranno lasciati in una situazione difficile, che riconduce al suggerimento originale di Calipari di consentire loro di tornare al college. Se Calipari ha ragione e oltre 100 potenziali candidati saltano il college per la G League ogni anno, crede che oltre il 93% sarà fuori dal campionato entro due anni.

'Il 93 per cento che non ce la fa', ha detto Calipari. “Dammi i dati demografici di quel gruppo. Vogliamo davvero farlo a quei ragazzi? Non sono. Sono in piedi sulla cima di una montagna a dire di no. '

'Quello che stai facendo è sbagliato e io sono dall'altra parte', ha aggiunto in seguito. 'E tra 10 anni, se lo fai e tutti questi bambini sono rovinati e tutte le loro famiglie che hanno avuto la possibilità di una vita migliore, forse non attraverso lo sport ma attraverso l'istruzione, perché non dovremmo usare lo sport per incoraggiare i bambini a essere di più educato? A causa di otto bambini, butterai via tutto? Elimina l'estate. Cosa è successo con questa indagine dell'FBI, stiamo cambiando i periodi di valutazione? Non dirmi che li metteremo tutti in un ambiente e abbiamo tre giorni per capire chi è chi. Sai di chi non ti interessa farlo? I bambini. Stai cercando di far sembrare che tu stia facendo qualcosa. Fermare.'

Adottato da: kwese.espn.com

John Calipari 30 per 30

Conferenza stampa di Giovanni Calipari

Casa di Giovanni Calipari

Casa di Giovanni Calipari

Valore netto di John Calipari

John Calipari è un allenatore di basket del college americano che ha un patrimonio netto stimato di $ 25 milioni.

Giovanni Calipari Facebook

Twitter di Giovanni Calipari

Giovanni Calipari Instagram

Visualizza questo post su Instagram

Buon compleanno a @ brad.calipari, che è tutto ciò che vorrei in un figlio. È motivato e competitivo, ma ha un cuore gentile. È stata una grande esperienza per me allenarlo e vederlo crescere sia come persona che come giocatore. Ti voglio bene, figlio!

Un post condiviso da Giovanni Calipari (@ukcoachcalipari) l'11 novembre 2018 alle 6:40 PST

biografia di rebecca king crews

John Calipari Altezza

È alto 1,88 metri.

Campionati John Calipari

Come allenatore del college, Calipari ha 21 stagioni da 20 vittorie (20 ufficiali) e 9 stagioni da 30 vittorie (8 ufficiali). Ha anche allenato 6 squadre al NIT, vincendo il campionato NIT a Memphis nel 2002.

John Calipari e Wildcats riescono a conquistare SIU

Aggiornato il: 10 novembre 2018.

I Kentucky Wildcats stavano cercando un modo per lasciarsi alle spalle il thrashing di martedì per mano dei Duke Blue Devils. Il Southern Illinois è stato l'avversario del Kentucky per la gara di apertura in casa 2018-19 alla Rupp Arena.

I gatti hanno avuto un inizio orrendo in modo offensivo. Durante i primi 12 e più minuti di gioco il Kentucky ha tirato il 56%, ma ha segnato solo 13 punti. I Wildcats hanno avuto 11 palle perse al timeout di meno di 8 minuti.

I Cats hanno conquistato il loro primo vantaggio del gioco e, del resto, la stagione in cui Quade Green ha inchiodato una tripla. La tripletta di Green è stata l'unica tripletta del Kentucky nel primo tempo. Qualche bel trambusto di Nick Richards per chiudere il tempo ha dato al Regno Unito un vantaggio per 31-28 a metà.

Il Kentucky ha superato Southern Illinois 25-8, ha superato la panchina dei Salukis 14-2 e ha tirato altri 13 tiri liberi, ma solo 3 al primo tempo. Le 14 palle perse nel primo tempo del Regno Unito sono state una delle ragioni principali per lo scarso vantaggio all'intervallo.

Qualunque cosa abbia detto John Calipari all'intervallo non ha acceso un fuoco sotto i Cats, poiché i Salukis hanno riguadagnato il comando e guidati da uno al primo timeout televisivo del secondo tempo.

La SIU ha aumentato il proprio vantaggio a 14 minuti dalla fine della partita. Tuttavia, un 10-0 seguito da un rifiuto totale da parte della matricola EJ Montgomery ha aiutato i Cats a tornare in vantaggio.

Un parziale di 13-6 guidato dalla matricola Keldon Johnson e Immanuel Quickley ha aiutato il Regno Unito a spingere il vantaggio a 5 con 7:40 rimasti nel gioco. I gatti hanno condotto 58-52.

La schiacciata in fuga di Keldon Johnson a poco meno di 3 minuti dalla fine ha fatto salire di 10 i Cats e ha segnato la vittoria per i Wildcats. Il Kentucky ha superato il sud dell'Illinois per una vittoria 71-59.

Ecco un riepilogo di ciò che John Calipari aveva da dire sulla vittoria, per gentile concessione di UK Athletics.

Giovanni Calipari: Southern Illinois, giocatori veterani, ben allenato, fa un ottimo lavoro con la sua squadra. Una squadra a livello di torneo NCAA. Mancati alcuni tre oggi che avrebbero potuto facilmente batterci, ma seconda partita dura. Sono ancora arrabbiato per averlo programmato. Sono arrabbiato che abbiamo programmato il primo quando lo abbiamo fatto. E, dopo aver giocato a due partite di mostre, sapevo dove eravamo. Ma oggi abbiamo fatto passi da gigante. Nick (Richards) ha fatto passi da gigante. Immanuel (Quickley) ha fatto passi da gigante. P.J. (Washington) ha fatto passi da gigante. Quade (Green) ha fatto passi da gigante. E, solo così sai che sto guidando i ragazzi che stanno giocando.

Se combatti come un matto e prendi buone decisioni, allora ti cavalcherò e giocheremo. Alcuni ragazzi non giocavano bene. Ho detto solo essere felice che abbiamo vinto e capirlo. Ho un'idea abbastanza chiara di come lo farò ora, e sono contento che siamo stati davvero distrutti, quindi non ci sono dubbi. E se avessimo perso per cinque o sei? Oh, stiamo bene. No, no, non stiamo bene.

E quindi la mia mentalità e come devo andare avanti, cosa metterò in risalto e cosa chiederò. Se chiedi molto, ottieni molto. Se accetti la mediocrità, la otterrai ogni volta. Se accetti che facciano ciò che scelgono quando lo desiderano, è quello che ottieni e ottieni un gioco sciatto e non puoi vincere le partite con la palla. Quindi, ho una mentalità abbastanza buona. Oggi sono stato più aggressivo. Potresti dirlo? Oggi sono stato un po 'più aggressivo. Ed ero contento di Immanuel e di come l'ha affrontato, perché è quello che è. È un mondo di uomini, andiamo.

Q. Sei sotto 44-37 e poi vai in fuga. Che cosa è cambiato nei due minuti successivi per far funzionare tutto?

Giovanni Calipari: Beh, prima di tutto eravamo sotto di otto perché hanno fatto quel tiro libero, credo. Non siamo scesi di otto? Non siamo mai scesi di otto?

Q. Non quella volta ...

Giovanni Calipari: Bene. Bene, a un certo punto. E ho detto ai ragazzi che ero contento, perché devo capire chi sarà in grado di fare giochi, fermate, prendere buone decisioni. Ti dico che bella commedia è stata. Il gioco in cui Quade è andato sotto il canestro per aiutare Nick (Richards), quindi non hanno potuto lanciarlo sopra le righe e hanno comunque rubato il passaggio di salto e lo hanno lanciato in avanti e abbiamo schiacciato. Fondamentalmente quello era il gioco. Ora potrebbe essere andato sotto e se il salto è andato, lasciare che il ragazzo prenda un tre e forse vincono la partita? E lui dice, beh, volevi che ti aiutassi, cosa che stiamo ricevendo in questo momento.

Beh, sì, ma vogliamo anche che tu sia in grado di interpretare il tuo uomo, una mossa da veterano. Pensavo che Immanuel giocasse davvero bene, facesse colpi importanti quando ne avevamo bisogno. Ma ancora una volta, ha preso un colpo duro andando a metà con circa 17, 18 sull'apparecchio dei 24 ''. Perché lo stiamo facendo? Pensavo che Quade ne avesse preso uno in piedi sull'ala e ne avesse lanciato un tre disperato. A quel punto non ne avevamo bisogno.

Ma che ne dici della commedia in cui l'abbiamo lanciata a Keldon (Johnson)? Qualcuno pensava che avrebbe passato quella palla? Non un'anima che lo guardava che era in palestra, la gente dormiva dicendo 'oh, sta sparando a quello.' E l'ha superato a causa del cronometro dei 24 ''. E l'ha superato. P.J. ha rimbalzato l'ultima palla invece di cercare di prendere la sua, la distribuisce in modo da poter finire la partita. Abbiamo fatto passi da gigante. Alcuni ragazzi non hanno giocato bene. Quindi, vai avanti. Prossima partita. Scopriamolo.

D. Soprattutto nel primo tempo hai lottato con i palle persi. Non tanto nella ripresa. Cosa è cambiato?

Giovanni Calipari: Passaggi distoglienti, fai il gioco più difficile, lanci rimbalzanti invece di pallonetti, sciolti con la palla. Keldon e P.J. ne avevano tre ciascuno a metà. Tipo, aspetta un minuto, cosa, come? Quindi abbiamo fatto un sacco di palle perse e abbiamo avuto alcuni ragazzi che sono riusciti a migliorare con la palla. Dobbiamo migliorare anche con la palla. Domani mostreremo loro tutti i 19 fatturati e avrò una domanda dopo ciascuno.

ricco marriott king 5 nuovo bambino

Era necessario? Alcuni di loro erano spettacoli piuttosto buoni, okay, ci hanno messo una mano. Ma la mia ipotesi è che nove di loro abbiano detto 'perché mai avresti provato a farlo?' Oggi pensavo che alcuni ragazzi suonassero per noi. Pensavo che ogni singolo ragazzo nell'ultima partita giocasse per se stesso. Ogni singolo ragazzo in campo. Oggi hanno giocato l'uno per l'altro. Ma dovevamo o non avremmo vinto la partita.

D. Nick ha avuto 19 rimbalzi, tanti quanti l'intera squadra del sud dell'Illinois. Il rimbalzo è solo una questione di sforzo da parte sua?

Giovanni Calipari: Bene, quello, e abbiamo bisogno di Nick in campo. Sapevo che dopo Duke dove hanno sparato layup, layup, layup, layup, dovevi avere un bloccante lì dentro. Quindi abbiamo bisogno di lui sul pavimento. Pensavo che E.J. (Montgomery) ha giocato bene, comunque. Ma i tre isolati e E.J. ottenuto due, cioè cinque blocchi, cioè cinque blocchi tra di loro. Questo cambia: ora non entrerai solo per sparare ai layup.

Pensavo che fossimo crollati decisamente meglio, ma Nick ci dà qualcosa che non abbiamo. Ora, avrebbe dovuto avere circa 10 punti in più, è svanito sui tiri, c'è ancora quella roba, ha armeggiato un paio di palle, ha preso un paio di palle con una mano sola. Ma guarda, se combatte e insegue le palle e blocca i tiri, possiamo occuparci del resto. Era bravo. Felice per lui. Ero preoccupato. Giochi di esibizione e anche l'ultima partita, voglio dire, ti preoccupi. Devi solo, sai, vuoi che ogni bambino giochi bene.

D. Qual era il piano d'azione stasera?

Giovanni Calipari: Beh, suonano molto come suona il Kansas. Giocano molto a basket alto / basso. Suonano molto pick and roll, kickback, post up. Ed è stato un bene per noi perché dovevamo davvero lavorare per essere più stretti e non allungare il pavimento e staccarci dal lato debole. E quando hai giocatori giovani, sai, semplicemente dimenticano e stanno proteggendo il loro stesso uomo e all'improvviso è un lancio sopra le righe e un layup. Oppure un ragazzo guida e c'è un layup perché non stiamo collassando sui drive. E ho pensato che la maggior parte del gioco abbiamo fatto un buon lavoro.

Q. Tyler (Herro) non sta scattando il tipo di colpi che vuoi o non sta facendo i colpi in questo momento?

Giovanni Calipari: Probabilmente entrambi. Pensavo che i colpi aperti che aveva non li avesse presi. E poi ne aveva uno dove l'ha fatto rimbalzare e ha cercato di sparare e poi è svanito in ritardo. Gli sto dicendo che devi avere il tiro prima di prendere la palla. Prima di prenderlo, sai che hai una possibilità. Al liceo lo prendi e dici, ho una possibilità. E poi lo fai rimbalzare e semplicemente gli spari o fai qualsiasi cosa, sei il miglior giocatore della squadra del liceo.

Mentre ti muovi in ​​questo sport, la maggior parte dei tuoi colpi sono prima di prenderlo e se alcuni lo sono, boom. Perché sa sparare, sai e poi guida per i layup o fa le cose che fa. Non è ancora arrivato. Pensavo si difendesse meglio. Ma sai e gli ho detto dopo che sono felice che stia passando tutto questo. Affrontarla. Affrontarla. Non lo sei, non è solo facile, è difficile. Ogni partita che giochiamo, le squadre entreranno qui e giocheranno e ci daranno un buon gioco.

Q. Se ti ho sentito bene hai detto che hai capito come vuoi che giochi la squadra. Che cos'è?

Giovanni Calipari: Non ho capito tutto questo, ma so come stiamo andando avanti, cosa ci verrà richiesto. Ci sono alcune cose che sono cose di gioco interne che chiedo quando ci alleniamo. E abbiamo avuto alcuni ragazzi che si sono arrabbiati l'ultima volta. Mi sono arrabbiato per averli ritenuti responsabili. No, fallo di nuovo. E ho dovuto spiegare loro che non dovresti essere pazzo. Dovrei essere pazzo.

Hai capito al contrario. Ed è, di nuovo, quando hai a che fare con ragazzini e loro - e ho detto loro che non è colpa loro. Di chi è la colpa? È colpa mia. Se siamo arrivati ​​a questo, ho detto loro che siete bravi, ragazzi. Non ho mai visto arrivare quello che è successo lassù. Tu sai perché? Perché davvero non ho letto bene. Questo è il mio lavoro come allenatore è leggere bene dove siamo. Non avevo letto affatto.

Sapevo che alle Bahamas c'erano dei difetti e sapevo che non saremmo stati così. Oggi abbiamo macinato, dovevamo segnare più facilmente, ma dovevamo macinare. Ma questa cosa, mentre andiamo avanti, è che sei ritenuto responsabile. Questo è quello che ti chiediamo di fare. E non c'è - non stiamo litigando, abbiamo quello che abbiamo, abbiamo il nostro amico in palestra. Si chiama tapis roulant che va a 27 miglia all'ora per 30 secondi.

Sali sul tapis roulant. E dico loro di resistere prima di salire perché è già in funzione. Quindi inizia a correre e poi lascia andare e poi corri per 30 secondi e poi tienilo premuto e poi metti i piedi su entrambi i lati e poi torna dentro e - da da da, no, su di esso. Vai avanti, vai amico. Vieni là. Quindi è tenere i piedi sul fuoco per dire che questo è ciò che è accettabile. E quello che vedrai è una squadra di basket molto più disciplinata.

Non è su questi ragazzi. Dipende da me. Il modo in cui giocavano lassù, ognuno di loro sembrava cattivo. Nessuno di loro sembrava buono. Dipende da me. E li ho lasciati andare là fuori e suonare in quel modo. Ho molto lavoro. Abbiamo molto lavoro da fare per portare questa squadra dove deve andare. Ma amo questo gruppo di ragazzi e sto solo dicendo, ehi, sii responsabile, possiedi la tua performance. Non incolpare nessuno, non incolpare me, non incolpare i tifosi, non incolpare l'altra squadra, non incolpare i funzionari. Gestisci la tua performance. Questo è l'unico modo per migliorare.

D. Mi chiedo con le matricole che porti qui ogni anno per giocare sotto i riflettori, specialmente quando un bambino fatica presto, quanto sta premendo per la prima volta nella sua vita, cercando di farlo molto meglio?

Giovanni Calipari: C'è questa cosa che non puoi spiegare come sarà finché non arrivi qui. E ancora, lasciatemi dire questo, ho degli amici, ho un gruppo di compagni di scuola superiore qui. Siamo andati al liceo insieme. Ma tutto questo, stanno guardando questi ragazzi che dicono wow, contro cosa hanno a che fare. Ogni bambino che portiamo qui pensa che sarà facile e che ci sia una bacchetta magica chiamata Kentucky. Hai messo l'uniforme, ce l'hai fatta. No.

Devi prendere quello che vuoi. Devi prenderlo. E devi parlare dei tuoi compagni di squadra. Non puoi parlare di te stesso qui. Perché nessuno lo fa. Parlano dei fan. I miei ragazzi dicono che questi fan ... i nostri fan sono i migliori. Sai quante persone si sono presentate a Indianapolis? È stato pazzesco, la gente è stata spazzata via. Meritavano uno sforzo migliore di quello che abbiamo fatto loro, ma indovina un po ', fan, non siamo ancora pronti per questo.

Per favore, resta con noi. E se sei arrabbiato con qualcuno, dovresti esserlo proprio con me, non con questi ragazzi. Faranno quello che chiedo loro di fare. Ovviamente, non ero così disciplinato né chiedevo loro abbastanza. Ma arrivano qui, scoprono, wow, è difficile. Tyler lo sta cercando di capire. Keldon lo sta cercando di capire. Ashton (Hagans) che lo capisce. Le cose sono difficili qui. E non puoi semplicemente fare quello che vuoi fare. Beh, non capisci il mio gioco. Lo voglio. Capisco il tuo gioco. Sto cercando di farti giocare in modo che tu abbia un bell'aspetto e vinciamo.

D. C'è qualcosa che impedisce a P.J. di andare in modo offensivo? E stasera ho notato del nastro adesivo sulle sue dita. La sua mano sta bene?

Giovanni Calipari: Sai cosa, sta lottando un po '. Ed è ancora - ha subito un'operazione a quella mano, e non credo che in questo momento sia ancora abbastanza sicuro di sé in quella mano. Ma la mia cosa è, dimentica la mano, corri e impazzisci e gioca con un'energia incredibile e allontanati da quello che sembri in altre aree. Basta fare giochi facili e volare su e giù. Ma dovrà affrontarlo. Non posso farlo per lui. Non pensavo che Reid (Travis) avesse giocato particolarmente bene oggi. Ha giocato bene. Ma non ha giocato bene come penso che dovrebbe giocare. Ma dovremmo essere in grado di coprirci a vicenda. Questo ragazzo non sta giocando alla grande, io intervengo e mi lascia giocare. E più o meno quello che è successo oggi.

quanto guadagna julie roginsky
| ar | uk | bg | hu | vi | el | da | iw | id | es | it | ca | zh | ko | lv | lt | de | nl | no | pl | pt | ro | ru | sr | sk | sl | tl | th | tr | fi | fr | hi | hr | cs | sv | et | ja |