Biografia di Simon Baker, film e programmi televisivi, moglie e figli

Biografia di Simon Baker

Simon Baker è un attore e regista australiano nato il 30 luglio 1969 a Launceston, in Tasmania, in Australia. È popolarmente noto per i suoi ruoli nelle serie televisive della CBS The Mentalist (come Patrick Jane) e The Guardian (come Nicholas Fallin). È stato premiato con una stella sulla Hollywood Walk of Fame ed è stato invitato a unirsi all'Academy of Motion Picture Arts and Sciences nel 2012.

quanto è alto rachel boston

Nella carriera di attore cinematografico di Simon Baker, è meglio conosciuto per i suoi ruoli come Max Rourke nel remake del film horror giapponese The Ring Two, Riley Denbo in Land of the Dead e Christian Thompson nell'adattamento cinematografico di The Devil Wears Prada.



Sfondo di Simon Baker

Simon Baker è nato a Launceston, in Tasmania; sua madre era un'insegnante di inglese al liceo, suo padre un meccanico. Insieme alla sorella maggiore, la famiglia si è trasferita in Nuova Guinea quando Baker aveva nove mesi. Il matrimonio dei suoi genitori è finito quando era ancora un bambino e gran parte della sua infanzia e adolescenza sono stati trascorsi a Lennox Head, vicino a Byron Bay. Anche un secondo matrimonio finì e Simon Baker rimase fuori contatto con il padre biologico fino all'età adulta.



Foto di Simon Baker

Simon Baker Age

Simon Baker è nato il 30 luglio 1969.

Simon Baker Film e programmi televisivi

  1. 1992-1993: E Street come Constable Sam Farrell
  2. 1993: A Country Practice come Stewart Waterman
  3. 1993: GP come Ben Miller
  4. 1993-1994: Home and Away come James Hudson
  5. 1994: Da che parte alla guerra come Pte Stan Hawke
  6. 1995-1996: Heartbreak High come Mr. Thomas ‘Tom’ ​​Summers
  7. 1996: Naked: Stories of Men come Gabriel
  8. 1996: Sweat come Paul Steadman
  9. 1997: LA Confidenziale come Matt Reynolds
  10. 1997: Most Wanted come Stephen Barnes
  11. 1998: Ristorante come Kenny
  12. 1998: Judas Kiss come Junior Armstrong
  13. 1998: Love from Ground Zero come Eric
  14. 1999: Ride with the Devil come George Clyde
  15. 1999: Secret Men’s Business come Andy Greville
  16. 2000: Sunset Strip come Michael Scott
  17. 2000: Red Planet come Chip Pettengill
  18. 2001-2004: The Guardian come Nick Fallin
  19. 2001: L'affare della collana come Rétaux de Villette
  20. 2004: Book of Love come David Walker
  21. 2005: The Ring Two come Max Rourke
  22. 2005: Land of the Dead come Riley Denbo
  23. 2006: qualcosa di nuovo come Brian Kelly
  24. 2006: Il diavolo veste Prada come Christian Thompson
  25. 2006-2007: Smith nel ruolo di Jeff Breen
  26. 2007: Sex and Death 101 come Roderick Blank
  27. 2007: The Key to Reserva come Roger Thornberry
  28. 2008-2015: The Mentalist come Patrick Jane
  29. 2009: The Lodger come Malcolm Slaight
  30. 2009: Not Forgotten come Jack Bishop
  31. 2009: Women in Trouble come Travis McPherson
  32. 2010: The Killer Inside Me come Howard Hendricks
  33. 2011: Margin Call come Jared Cohen
  34. 2013: Gli do un anno come Guy Harrap
  35. 2017: Breath come Bill 'Sando' Sanderson

Premi Simon Baker

  • 2002: Miglior attore, 'The Guardian', Family Television Awards.
  • 2009: Miglior nuova serie (stagione 1: con cast), People’s Choice Award.
  • 1993: Most Popular New Talent, 'E Street', Logie Awards

Simon Baker Moglie

Simon Baker ha sposato la sua fidanzata di lunga data Rebecca Rigg il 2 ottobre 1998. Dopo essersi frequentati per anni, la coppia finalmente annoda i loro legami il 2 ottobre 1998. Simon e Rebecca sono benedetti con tre figli chiamati Stella Breeze Baker, Harry Friday Baker e Claude Blue Baker.



Intervista su The Breath Film

Intervistatore: Com'è stato fare il lavoro sporco di finanziare e produrre Breath?

Simon Baker: Tutto questo tempo cercando di capire e organizzare il finanziamento è stata una vera apertura degli occhi e non è stata l'esperienza più piacevole per me. È stato difficile disconnettersi in modo creativo dal pezzo e parlarne come un prodotto. Questo è ovviamente un male necessario, ma è stata una sfida.

Intervistatore: Qual è l'appello di Tim Winton per te?



Simon Baker: L'idea esportata degli australiani è più simile a me: ragazzo biondo, all'aperto che beve troppo ed è un po 'sfacciato. Tim Winton riesce a combinare quella visione australiana tradizionale e rude delle cose con un lato più profondo e sensibile. … Ho passato un po 'di tempo con lui e ci siamo davvero identificati a un certo livello. Anche lui è cresciuto in una zona costiera, è appassionato di pesca, surf e tutto il resto. È davvero un uomo, ma si è interessato alla letteratura e alla scrittura sin dalla tenera età. Sono cresciuto in questo ambiente dove c'erano sei ragazzi per una ragazza, molto dominati dagli uomini, ma segretamente volevo diventare un attore. Capisco da dove viene, quanto sia difficile in quell'ambiente diventare la tua persona.

Intervistatore: In che modo la regia degli episodi di The Mentalist ti ha preparato per il passaggio ai lungometraggi?

Simon Baker: Stavo lavorando per voler dirigere quando ho firmato per The Mentalist. Dopo aver girato The Guardian [la serie della CBS andata in onda dal 2001 al 2004], non volevo più fare la TV. Non pensavo di poter sopportare quel tipo di grind. Ma quando ho firmato per The Mentalist, ho preso una decisione molto consapevole di usarlo come scuola di cinema. Abbiamo realizzato 151 ore di TV ed è una sorta di datazione rapida della produzione cinematografica. Devi tirare insieme i pezzi ad alta velocità. Devi fare lo sviluppo della sceneggiatura, devi fare il casting, fare lo scouting di location. Lavori sempre con persone diverse. Ne ho diretti quanti più potevo fisicamente.



Intervistatore: Quanto è stato difficile adattare il lavoro di Winton?

Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...

Simon Baker: Non è uno scrittore facile da adattare perché la sua prosa è così buona. Lo sviluppo della sceneggiatura è stato difficile: ci è voluto del tempo per distillare il libro. Ho lavorato con [lo scrittore di Top of the Lake] Gerard Lee sulle ultime due bozze. Ha fatto le bozze, ho fatto le riscritture. Ha una vera comprensione del materiale e sicuramente una vera comprensione del tipo di film che volevo fare. Capisce davvero come creare la voce dei ragazzi adolescenti che sono al centro della storia.

Intervistatore: Quale sarà il tuo approccio cinematografico con Breath?

Simon Baker: La storia suggerisce molto dello stile cinematografico del pezzo: è una grande tela. Abbiamo in programma di girarlo nell'Australia occidentale sulla costa: è così vasto e impressionante, è come Jurassic. Vedere ragazzi di 13 anni contro quel paesaggio la dice lunga sui temi del libro, senza bisogno di dialoghi.

Intervistatore: L'Australia ha prodotto una serie di attori e registi di spicco. Ma i film australiani, con poche eccezioni come Mad Max: Fury Road di George Miller, raramente hanno successo con il pubblico locale. Perché pensi che sia?

Simon Baker: È una domanda eterna in Australia. Siamo incredibilmente fortunati ad avere un'organizzazione come Screen Australia e sono stati incredibilmente di supporto [di Breath]. Questa è una domanda continua con loro: perché non più australiani vanno ai film australiani? I film australiani possono essere un po 'lenti perché non siamo una cultura molto prolissa, almeno fino a quando non abbiamo bevuto un paio di birre. Ma questo non significa che non stia succedendo molto sotto la superficie. Quindi la sfida è trovarlo e non sentire che dovevamo spingere in un certo modo.

Penso che siamo una nazione di narratori, ma lottiamo anche con la nostra identità. Se guardi molti dei film [locali] che vanno molto bene in Australia, molti di loro parodia della cultura australiana. Perché forse altrimenti c'è una leggera rabbia culturale con i nostri contenuti.

L'altro lato è che a volte cerchiamo di fare film che si adattino allo stampo americano, cosa che non capisco perché gli americani rendono quei film migliori. Sento che devi seguire il corso e cercare di fare film in cui possiamo identificarci senza annoiarci. Posso dire tutto questo adesso, ma dovrò sedermi sulla sedia del regista e provare a farlo.

Intervistatore: Quali film hai guardato per trovare ispirazione?

Simon Baker: Ho guardato molti film che usano l'ambiente come personaggio. Mi è piaciuto molto Leviathan [vincitore della migliore sceneggiatura a Cannes 2014] per questo. Ho anche guardato molto film che trattano temi di formazione: il film francese [e vincitore di Palme d’Or nel 2013] Blue is the Warmest Color è stato un film davvero ben fatto. Era una storia molto semplicistica, ma era molto identificabile e tu ne sei stato attratto dal modo in cui è stato girato e dalla fluidità. Probabilmente avrei potuto fare a meno della scena di sesso di 15 minuti nel mezzo - guardarla al cinema è stato piuttosto imbarazzante.

Intervistatore: The Mentalist è uno spettacolo di enorme successo qui in Francia. Ricevi mai un trattamento speciale da celebrità quando sei qui?

Simon Baker: Quando le persone viaggiano con me dicono che non riescono a credere a quanto sia carino il servizio francese, a quanto siano educati i camerieri. E com'è diverso quando non sono con loro.

Video di Simon Baker

| ar | uk | bg | hu | vi | el | da | iw | id | es | it | ca | zh | ko | lv | lt | de | nl | no | pl | pt | ro | ru | sr | sk | sl | tl | th | tr | fi | fr | hi | hr | cs | sv | et | ja |